Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
II
Al pensiero.

   Vanne, amorosa spia, cursor leggiero,
a spaziar tra ’l nudo avorio e l’ostro,
vattene a vagheggiar l’idolo nostro,
vivo sguardo del cor, muto pensiero.
   Tu con lume invisibile e cerviero
l’alte mura penetri e ’l chiuso chiostro,
e puoi trarre a la mente, occhiuto mostro,
col tuo falso mirar diletto vero.
   A te la pompa de l’aurate vesti
di natura le pompe in van difende,
ove più vive le mie fiamme desti;
   e ciò ch’a me si nega e si contende,
anco fra l’ombre di mirar non resti,
se pur son ombre ove ’l mio sol risplende.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it