Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Domenico Benigni [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
7
Lontananza di bella donna.

   Se quell’aura gentil che m’innamora
troppo lunge da me spirar si sente,
né torna a serenar l’alma dolente,
certo del mio morir vicina è l’ora.
   Lasso, non tornò mai da l’onde fuora
nunzia del novo dì l’alba ridente,
ch’io non dicessi a l’affannata mente:
Questa del mio bel sol forse è l’Aurora.
   Ma son questi d’Amor soavi inganni;
riconosco ben io l’antica usanza
che di speme nudrì l’alma tanti anni.
   E qual novo soccorso or più m’avanza,
se fra tante d’amor doglie et affanni
uom misero non crede a gran speranza?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it