Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ferdinando Donno [1591 - 1649]

Da “La Musa lirica” [1620]
Affetti platonici
VI
Donna crudele.

   D’avelenate botte, empie ceraste
maligno tòsco, tetrico veleno
da fera mamma armenica lattaste
sott’aspro cielo, e l’ascondeste in seno.
   D’aspi e di bisce attossicate e guaste,
d’angui e chelidri imputriditi a pieno
esche maligne aveste e vi cibaste,
crescendo ad annegrir l’altrui sereno.
   Maestra vi fu tetra anfesibena,
e tra libiche scole ombrose e nigre
dievvi costume e stil di belva armena.
   Natura o quanto errò! Fe’ tarde e pigre
le diligenze sue, mentr’incatena
tra belle e vaghe membra alma di tigre.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it