Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ferdinando Donno [1591 - 1649]

Da “La Musa lirica” [1620]
Affetti platonici
I
Amorosa arsura.

   Arsi gran tempo, e ’ncrudelì cotanto
la viva del mio sen rapida arsura,
che non lasciò, la micidiale e dura,
poca dramma d’umor, stilla di pianto.
   Indi passò tan’oltre, e crebbe tanto,
ch’a le polpe aventossi avida, impura;
e fatte di sua fame egra pastura,
vestian d’orrida morte arido manto.
   Qui non fermossi, anzi più viva, ardente,
fatta vie più famelica e vorace,
a l’avanzo de l’ossa andò repente.
   Al fin cener son fatto a sì gran face;
e tal fia viva cenere dolente
chi l’arsura d’amor, soffrendo, tace.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it