Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Mamiano [? - XVII sec.]

Da “Rime” [1621]
14
Gelosia.

   Ne la fiamma del sen serpe e s’avviva
di gelato timor timido gelo,
onde in diverse tempre ed ardo e gelo,
e mi struggo qual neve a l’aura estiva.
   Ma perché ’l mo martìr non giunga a riva,
sì la mia vita inforsa il folle zelo,
ch’or cade a terra ed or s’inalza al cielo,
lasciando in dubbio altrui s’è morta o viva.
   Né men pena il pensiero, il qual si pasce
di larve ombrate e di temuto orrore,
e ne’ fantasmi suoi more e rinasce.
   O ciel, soccorri a la mia cruda sorte,
e sia remedio al tormentato core,
contra il gelo d’Amor, ghiaccio di morte.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it