Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Mamiano [? - XVII sec.]

Da “Rime” [1621]
11
Al pensiero.

   Con gli occhi del pensier talor rivolto
al vago idolo mio, di rauco mergo
aquila fatto poi, m’inalzo ed ergo
a la sfera del sol del suo bel volto.
   Quivi, celeste ardore al seno accolto,
ogni forma mortal lasciato a tergo,
con ardente desio le carte vergo,
non so se deggia dire audace o stolto.
   Perché ’l foco divin ch’ivi risplende
(a cui non vale oppor gelato smalto),
se l’ingegno m’alluma, il cor m’incende.
   Folle pensier, chi troppo s’erge in alto,
e qual Icaro al cielo i vanni stende,
fa de la vita sua termine un salto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it