Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Mamiano [? - XVII sec.]

Da “Rime” [1621]
4
Per una signora di casa PIETRA.

   Occhi, sfere del sol, soli d’Amore,
scorgo in voi scintillar vivo zaffiro;
purpurea bocca, in te, conca d’odore,
di celeste rubin la pompa ammiro.
   Aurate chiome, in voi, lacci del core,
di crisolito fino i pregi miro,
e di terso alabastro il bel candore
chiude la bianca man, per cui sospiro.
   Ma di saldo adamante il core, il petto
formò Natura, in cui strali e faretre
sovente franse Amore, arcier negletto.
   Onde non fia ch’io mai mercede impetre
se non dispetro un ostinato affetto,
miser Deucalion fra tante PIETRE.

4: amiro > ammiro.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it