Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Cristina Dudley Paleotti [1650 - 1719]

Da “Poesie italiane di rimatrici viventi” [1716]
II

   Armato di rigor l’augusto ciglio,
a me sempre crudel, prencipe amato,
sordo a’ miei preghi e al mio desire ingrato,
mai non torrete da pietà consiglio?
   Soffrirò pur il doloroso esiglio;
sosterrò pur vostra fierezza, e irato
mai non fia questo cor, benché ostinato,
ad adorare in voi il suo periglio.
   Pria che mutar pensiero io morir voglio.
Voi foste infido; io, lassa, troppo amante;
sia il pentimento eguale al nostra orgoglio;
   ed ambi al dio d’Amor prostrati avante,
quali cose di voi narrar gli voglio!
Voi, non di me, che fui fida e costante.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it