Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Cesare Giudici [1634 - 1724]

Da “La bottega de’ ghiribizzi” [1794]
Sonetti giocosi
XXI
Bella donna frustata, ad instanza del marito, per adultera, sopra un asino.

   Costei, ch’or vil giumento attorno mena,
spesso attorno pel naso ha l’uom condotto;
egli sen va per lei col capo rotto,
ed ora ella, per lui, guasta ha la schiena.
   Fu dissoluta, ed ora sta in catena,
ste’ sugli Amori, ed ora al boia è sotto;
mai non fu cruda a chi di lei fu cotto,
visse in piacere, ed or si trova in pena.
   Grida la turba, che non tiene a stecco
la lingua sua maledica e vigliacca:
«Ecco la capra che montò sul becco».
   Grida anch’egli il marito, e non si stracca,
ma a suo pro cangia il motto e dice: «Or ecco
montata sopra l’asino la vacca».

2: nel > pel. 6: sta > ste’.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it