Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
98
Risponde al signor Talucci.

   SPINO, più non si pregia e non si noma
l’eterno Pindo e l’infecondo alloro,
già dato ai grandi sol dal sacro coro;
or premio è scarso d’onorata chioma,
   e più no ’l cura, quasi indegna soma,
il mondo intento a cumular tesoro;
ché la fame essecrabile de l’oro
le glorie e le virtuti opprime e doma.
   Onde per altro calle io fia che poggi,
e, con avari studi, il pensier mio
a fallace tesor drizzi ed appoggi.
   Tu sì, che fai al tempo oltraggi ed onte,
così indegno desio posto in oblio,
di lauro cingerai la saggia fronte.

[Argomento]: Tallucci > Talucci.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it