Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
79
Sonetto in lode dell’autore, di persona illustrissima e di valore.

   Qual vago fiore o gemma avolta in vetro,
sembran, MARCELLO, i tuoi celesti canti,
e, quasi un uomo a sovra umani incanti,
io presso lor di maraviglia impetro.
   Non potran mai temer morte e ferètro
quei che, col terso dir, tu inalzi e canti,
mentre egualmente scopre i tuoi gran vanti,
o sia tosco o latin o ibero il metro.
   Primo cigno d’Etruria, al più lontano
clima s’estende di tua fama il lampo,
e s’arma contra te l’invidia in vano.
   O de le Muse sol rifugio e scampo,
a le tue glorie, al tuo valor sovrano
sol il cielo è teatro, il mondo è campo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it