Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
28
Bella donna diceva esser una povera serva.

   Se diede al tuo natal, bella mia Clori,
oscure fasce il ciel, povera cuna,
ecco più chiare perle e più fin ori
Amor prodigamente in te raguna.
   E se d’altrui ti fe’ serva Fortuna,
ch’a la cieca dispensa i suoi tesori,
tu per quella beltà ch’ogni altra imbruna,
se’ reina bellissima de’ cori.
   Di che ti lagni tu? Sappi che ancora
sono serve di Cinzia in ciel le stelle,
et è serva del Sol la bionda Aurora.
   Denno esser sol le voglie tue rubelle
serve d’Amor, come a te sono ogni ora,
tributarie de’ cor, mill’alme ancelle.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it