Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
24
Descrive l’inquietezza degli amanti anco ne’ sogni.

   Le pacifiche tenebre già avea
stese la notte, e per gli eterei calli
di Cinzia a gara lascivetti balli
con la famiglia sua lieta traea;
   quando in dormendo l’anima vedea
Filli, che, sciolto il crine in dolci falli,
or apria al riso i mobili coralli,
or d’irato rossor negli occhi ardea.
   Strania usanza d’Amore; or quando fia
che trovi requie un cor se veri ardori
ministra ancor l’ombra fallace e ria?
   E quando ogni alma sui notturni orrori
sopisce i sensi, e le sue cure oblia,
sol ei fa guerra in tanta pace ai cori.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it