Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
13
Per una gentildonna detta Leonessa, alludendo al nome.

   Da la fera di Neme ecco che prende
quest’empia LEONESSA il nome altero;
l’un e l’altra è di cor rigido e fero,
le città questa, e quella i boschi offende.
   Dagli occhi in ambe ogni valor dipende,
hanno sui cori e su le belve impero;
l’una torce dal foco il piè leggiero,
foco d’Amor ne l’altra indarno scende.
   L’una sembra là su ch’arda et accampi
con ruggiti d’ardor l’eteree soglie,
l’altra dal sol degli occhi avventa i lampi.
   Or, s’Amor giusto priego unqua raccoglie,
sol di te, bella fera, in questi campi,
novo Alcide, il mio cor brama le spoglie.

8: d’amor > d’Amor.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it