Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Poesie [1622]
Sonetti
5
Per una signora che dava il cibo ad uno astore su l pugno.

   Ai begli occhi, al bel nome, al dolce riso
Venere costei, la dea de cori;
ecco scherzano intorno al suo bel viso
le Grazie ignude e i pargoletti Amori.
   Ma in vece di colombe, ahi fero aviso,
il cibo porge a dispietati astori;
fuggi, mio cor, che sotto il paradiso
del volto asconde sempiterni ardori.
   O di finta pietate empie maniere,
con la mano egualmente e co l bel volto
ministra fame ai cori, cibo a le fere.
   Anzi col quel che si vede accolto
del volante guerrier fra lugna altere,
misero, l cor che dal mio petto tolto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it