Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Giovanetti [1598 - 1631]

Da “Poesie” [1626]
XIV
Bella ninfa si lavava in un lago. Al signor Fabrizio Piermattei.

   Allor che l’alba dal mar d’Adria inalza
la face per fugar l’ombra notturna,
a solitario lago, incolta e scalza,
col canestro sen va Fille, e co’ l’urna.
   Per bagnarsi il bel piè, con mano eburna
i lembi de la veste accoglie ed alza;
e l’onda, ch’era immota e taciturna,
con garrula allegrezza al sen le balza.
   A l’apparir di lei sopra la sponda,
al discoprir degli animati avori,
al folgorar de l’aurea chioma bionda,
   alga o scoglio non è, che non s’infiori;
fiore, che non si specchi entro quell’onda;
onda, che non sfavilli a tanti ardori.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it